AIDM Sezione di Ferrara


La sezione AIDM di Ferrara è stata costituita il 9 dicembre 2014  presso l’Ordine dei Medici Chirurghi ed Odontoiatri di Ferrara,  che ne rappresenta la sede legale (in foto le socie fondatrici).


CONSIGLIO DIRETTIVO 2015-2017


PRESIDENTE

Debora Romano
Specialista in Chirurgia Generale

VICE PRESIDENTE
Cristina Tarabbia
Specialista in Ginecologia e Ostetricia
Professore incaricato in Medicina di Genere UNIFE

SEGRETARIA
Eleonora Esposito
Specialista in Medicina Fisica e Riabilitativa

TESORIERA
Maria Gabriella Piccinini
Specialista in Dermatologia e Venereologia

Il programma

[scarica il nostro volantino]

Condivide ed assolve gli scopi Statutari nazionali ed internazionali, con particolare riferimento allo studio ed alla diffusione della Medicina di Genere, nonché alla promozione dell’uguaglianza di genere nella professione medica.

Medicina di genere

Prende avvio dall’evidente  influenza  del genere sulla fisiologia umana, sulla fisiopatologia, sulla manifestazione clinica ed evolutiva delle malattie,  sull’esperienza del dolore e sul vissuto dello stato morboso, con importanti implicazioni genere-specifiche  in termini di  prevenzione,  diagnosi e  terapia.

Attività:    

  • Promozione dell’appropriatezza e dell’equità delle cure, a seconda se il paziente è uomo o donna,   attraverso corsi accreditati di aggiornamento professionale e di formazione permanente finalizzati  alla conoscenza della diversa manifestazione della malattia,  della diversa rilevanza  dei determinanti di salute, dei fattori di rischio, dei biomarkers predittivi di morbilità e del diverso impatto faramacologico nei due generi
  • Promozione dell’integrazione tra professionalità medico-sanitarie, Istituzioni Pubbliche locali,  Organi politico-governativi, Associazioni di volontariato e Associazioni femminili del territorio  nell’applicazione delle conoscenze genere-specifiche sia nell’elaborazione di programmi di   prevenzione sanitaria ,  sia nell’erogazione di servizi sanitari simmetrici ai bisogni di salute delle donne e degli uomini, coerentemente ai programmi di politica sanitaria declinati al genere promossi dalla Organizzazione Mondiale della Sanità.
  • Studio di protocolli clinici, terapeutici ed assistenziali genere-specifici.
  • Partecipazione alle indagini epidemiologiche ed alla valutazione dei dati forniti dai programmi locali di screening per il miglioramento degli stessi e la promozione della salute.
  • Partecipazione e collaborazione al Tavolo Salute Donna del Comune di Ferrara, per apportare un contributo tecnico all’elaborazione di strategie per il Nuovo Piano Triennale per la Salute e il benessere sociale.
  • Collaborazione attiva con Istituzioni, Enti, Associazioni e Gruppi di Studio per sviluppare tematiche sanitarie inerenti alla salute, al vivere sociale, alla multiculturalità, alla violenza sulle donne, nell’ottica di una formazione socio-sanitaria specifica e di proposte innovative nell’ambito dei progetti di prevenzione e contrasto di tali fenomeni discriminatori
  • Promozione dell’inserimento della Medicina di Genere negli obiettivi strategici dei piani di salute Pubblica
  • Promozione di adeguamento dei curricula universitari, di tutoraggio genere-specifico nei programmi scolastici e nei corsi universitari,   dell’intersettorialità ed interdisciplinarietà della formazione.
  • Divulgazione della “cultura” di genere attraverso l’organizzazione di seminari, convegni, eventi informativi ed educativi per la popolazione
  • Diffusione delle informazioni attraverso supporti mediatici e pubblicazioni
Uguaglianza di genere nella professione medica

La figura della donna medico è stata soggetta a contesti socio-storici, linee di pensiero,  pregiudizi ed artefatti culturali che ne hanno reso difficoltoso il percorso professionale rispetto all’uomo, nonostante la acquisita pari opportunità.  Attualmente la predominanza numerica delle laureate in medicina sta rivoluzionando gli aspetti assistenziali in tutti gli ambiti, creando nuove situazioni relazionali sia con i pazienti, sia con i colleghi che con le istituzioni. Tuttavia persiste un’asimmetrica rappresentazione femminile orizzontale e verticale, ed una maggiore presenza delle donne in ruoli ritenuti culturalmente femminili.  Intendiamo esplorare questi nuovi scenari, valutando l’attuale situazione delle donne medico,  le esigenze e le caratteristiche delle nuove generazioni, ed esaminando il patrimonio e le risorse apportabili dalla specificità femminile nella pratica diagnostico-terapeutica, nell’organizzazione e nella gestione dei servizi sanitari.

Attività:

  • Collaborazione con Istituzioni, Associazioni, Enti e Gruppi di Studio interessati a sviluppare tematiche e ad identificare obiettivi operativi atti a promuovere riequilibrio di genere nei sistemi sanitari
  • Valutazione della normativa vigente per la professione della donna Medico, dal punto di vista previdenziale, della tutela della gravidanza, della maternità, della gestione delle dinamiche familiari, della sicurezza sul lavoro, dell’esame e realizzazione di proposte innovative,  della conciliazione tra i ruoli (famiglia-lavoro-carriera).
  • Valutazione dei comportamenti individuali e di gruppo nello svolgimento della professione sanitaria in rapporto: alle relazioni interpersonali  (tra  professionisti in generale  e  tra  professionista-uomo / professionista-donna  nello specifico),  ai ruoli,  alla leadership maschile e femminile nei propri punti di forza e nelle proprie criticità,  alle mansioni  da svolgere,  alle regole  ed  al  funzionamento del gruppo,  al  fine di  favorire  il benessere delle persone che esercitano la professione  ed il massimo vantaggio per l’organizzazione sanitaria.